Scatola con apertura a libro, in carta di Varese

 

Cari Amici de La Masca in Cucina,

se vi ricordate della cartellina porta documenti che abbiamo realizzato due settimane fa circa, rammenterete anche che vi avevo detto che avremmo prodotto altro, come ad esempio una scatola con apertura a libro, in carta di Varese.

Se guardate anche voi le vetrine delle rilegatorie o delle cartolerie ‘fighe’, saprete quanto costa una scatola ben rivestita, con particolari telati: il prezzo puo’ superare decisamente quello dei cioccolatini che intedete metterci dentro.
Ma se la realizzerete da soli, e ci metterete dentro (proteggendola dall’unto avvolgendo il contenuto in un sacchettino in cellophane) dei biscottini o delle praline fatti in casa, avrete realizzato un regalo che piacera’ molto, che potrete personalizzare, e che costera’ (biscotti a parte) solo il prezzo bruto del materiale.

E allora… dai, all’opera!

Slide1

OCCORRENTE

– cartone grigio pressato da scatole: 4 pezzi, con le misure qui elencate:
a. 1 rettangolo 26 x 20 cm da cui ricavare il contenitore
b. 2 rettangoli 21 x 15 cm da cui ricavare la ‘copertina’ fronte/retro del libro
c. 1 rettangolo 21 x 3 cm da cui ricavare il ‘dorso’ del libro

– tela da rilegatore: 1 strisciolina 7 x 45 circa (poi vedrete le misure precise piu’ sotto)

– carta di Varese, o di Firenze: 1 foglio 50 x 70 cm, e vi avanzeranno dei pezzetti per altri usi

– nastrino di cotone (o di raso): 2 pezzi da 20 cm circa caduno

– colla da tappezziere, colla vinilica, pennello, straccetto, cartone spesso per lavorarci sopra, scotch o scotch di carta (quello da carrozziere), cutter, forbici, matita, righello o metro, pressa (anche due vocabolari grossi e pesanti possono andare bene, o il classico cestello di acqua minerale!)

PROCEDIMENTO

IMPORTANTE: tenetevi sottomano le istruzioni per la cartellina (QUI) e le istruzioni generali sul materiale (QUI), che potranno agevolarvi in alcuni passaggi

1. Tagliare i cartoni delle misure sopra segnate, appoggiandosi su un cartone spesso, per non rigare il tavolo o il pavimento (se avete le piastrelle dure, meglio lavorare sul cartone per terra, perche’ se sbagliate ed incidete il cartone di protezione il pavimento non si riga, ma il tavolo si’)

2. Segnare, come in figura, il margine da 3 cm tutto attorno al cartone 26×20

Slide1

3. Tagliare via i 4 quadratini 3×3 che risultano agli angoli del cartone medesimo, poi incidere col cutter, SENZA PASSARE DA PARTE A PARTE, le rimanenti righe, e piegarle a mano come in figura

Slide1

4. Unire i quattro lati della scatola, fissandoli con dello scotch o dello scotch di carta: avrete un contenitore di 20 x 14 cm, alto 3 cm, che sara’ l’interno-contenitore della scatola.

Slide1

5. Per fare la copertina, prima cosa tagliare una strisce di tela da rilegatore alta 45 cm e larga 7 cm, ovvero una 25 x 7 piu’ una 20 x 7, perche’ intanto quella da 45 dovrete tagliarla per usarla, e preparare i cartoni-copertina e il dorso

Slide1

6. Spennellare la striscia di carta di colla vinilica leggermente allungata con acqua, se fosse troppo densa, e posizionarvi i tre cartoni come in figura: il dorso del libro in centro e le due copertine ai lati, lasciando quasi 1 cm di solco tra le copertine e il dorso, da entrambi i lati

Slide1

7. Ripiegare in cima e in fondo la tela, e poi spennellare di colla una striscia di tela 20 x 7 cm e incollarla a finire l’unione tra dorso e copertine, come in figura

Slide1

8. A questo punto conviene fermarsi e rivestire il contenitore interno.

Slide1Percio’:
Tagliare una striscia di carta di Varese alta 8 cm (deve rimboccarsi sotto e dentro la scatola, come in figura) e di lunghezza tale da fare il giro del perimetro, quindi 20+14+20+14= 68 cm piu’ l’accavallamento, per cui 70 cm.
Se volete, potete fare il rivestimento del bordo in due pezzi, intanto non si notera’ molto la giunta e potrete recuperare dei pezzi di carta precedentemente usata:
Nel cartonnage NON SI BUTTA MAI VIA NEMMENO UN PEZZETTO DI CARTA PICCOLO!

9. Ripegare, tagliare negli angoli e rivestire il bordo come in figura

Slide1

10. Il sotto non va foderato! Slide111. Il dentro e’ un rettangolo 19.50 x 13.50 cm, che va incollato e lisciato con le mani.

Slide1

12. Riprendere a questo punto la copertina e rivestirne l’esterno come si e’ fatto con la cartellina (QUI per la spiegazione!): e’ molto semplice, basta seguire il tutorial apposito, e le foto.
Poi fissare il nastro come e’ anche spiegato nel tutorial della cartellina e rivestire infine l’interno DI UN SOLO LATO DELLA COPERTINA, perche’ sull’altro si incollera’ il contenitore, quindi inutile rivestirlo!
Se siete alle prime armi e ci mettete tanto tempo a rivestire la copertina, tra un passaggio e l’altro mettete mezzora in pressa tutto, altrimenti i due lati si piegheranno. Se siete veloci procedete al punto successivo.

CONTROLLATE LE FOTO DELLA CARTELLINA, CHE DESCRIVONO IL PROCEDIMENTO CON ESATTEZZA.

13. Spennellare di colla il sotto del contenitore e incollarlo (possibilmente centrandolo) sul lato interno destro della copertina, a meno che non si debba realizzare una scatola per mancini.

14. Chiudete la copertina sopra il contenitore e mettete sotto due vocabolari a pressare per alcune ore: non si pieghera’, perche’ il cartone e’ abbastanza spesso.
Il cestello dell’acqua, nel nostro caso, potrebbe esser eccessivamente pesante.

Slide1

VI PIACE?

Slide1

BUON LAVORO, ALLORA!

Slide1

 

 

 

8 thoughts on “Scatola con apertura a libro, in carta di Varese

  1. bella! anche io mi diletto a realizzare scatoline fai da te per mettere i dolcetti che regalo per natale o qualsiasi festa, e questo tipo l’ho fatto anche io, con la finestrella.
    complimenti per il tutorial, molto utile e dettagliato 🙂
    a presto.
    tatam Francesca

  2. Grazie!
    Si’, se ne possono fare tante varianti, e sono tutte bellissime!
    E poi e’ divertente e creativo.
    Bene, sono contentissima di non esser la sola a paciugare con la colla!

  3. Hi there i am kavin, its my first occasion to commenting anyplace, when i read this piece of writing
    i thought i could also create comment due to this sensible piece of writing.

  4. Does your site have a contact page? I’m having a tough time locating it
    but, I’d like to shoot you an email. I’ve got some ideas for your blog
    you might be interested in hearing. Either way, great site and I look forward
    to seeing it improve over time.

  5. Howdy! This is kind of off topic but I need some advice from an established blog.
    Is it tough to set up your own blog? I’m not very techincal but I can figure things out pretty quick.

    I’m thinking about creating my own but I’m not sure where to start.
    Do you have any ideas or suggestions? Appreciate it

  6. adalafil is an oral drug that is used for treating impotence (the inability to attain or maintain a penile erection) and benign prostatic hyperplasia (BPH).

  7. Having read this I thought it was very informative. I appreciate you finding the time and effort to put this
    short article together. I once again find myself
    personally spending a significant amount of time both
    reading and commenting. But so what, it was still
    worth it!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*