Rosti di patate, una ricetta semplice e saporita, anche di riciclo

Quando viaggio compro libri di cucina come se piovesse, li metto in coda di lettura e prima o poi tornano utili, come nel caso dei rosti di patate (andrebbero chiamati rösti, ma mi dicono dalla regia che chi cerca su Google raramente mette la umlaut, quindi la ometto al solo scopo di rendere visibile questa ricettina!
Sono un genio da quattro soldi! 😀 )

rosti

Con questa ricetta partecipo alla SETTIMANA NAZIONALE DEGLI AVANZI del CALENDARIO DEL CIBO ITALIANO, la novita’ di Aifb per il 2016.

..

Torniamo a noi: in Svizzera li chiamano rösti , ma si trovano anche sotto il nome di röstli (questo soprattutto in Austria) e sono fatti di patate.
Non volendo usare la umlaut perche’ magari alcune tastiere non ne dispongo si potrebbe scrivere anche roesti o roestli, ma da una ricerca in italiano non uscirebbero facilmente… insomma: siate gentili e lasciatemeli chiamare rosti, cosi’, all’italiana! 😉

Dove cercare di saperne di piu’?
Sul libro di Cucina Svizzera di Betty Bossi, che e’ una garanzia: il libro a tema food forse piu’ letto di tutta la Confederazione, perche’ lei e’ un’icona e quindi quello il posto migliore dove cercare la ricetta dei rosti.

Sono semplici, direte: patate, cosa esiste al mondo di piu’ basico?
Avevo davvero bisogno della ricetta?

Probabilmente nulla c’e’ di piu’ semplice, ma a parte il fatto che i rosti si possono aromatizzare e si possono mescolare le patate ad altri ingredienti, io ho sempre una certa riverenza nei confronti delle ricette molto note e ancor di piu’ ne ho se sono apparentemente facilissime.
E’ facilissimo anche prender una cantonata, e sarebbe una figuraccia plateale.

Quindi mi sono messa seriamente a caccia del  procedimento, anche perche’ quest’autunno -tentando di inventare da zero- non avevo ottenuto risultati ottimi.
Vi diro’ anche che ho capito dove avevo sbagliato:

  1. avevo lessato le patate dopo averle sbucciate
  2. le avevo utilizzate subito

Non si fa, a quanto dice la nostra Betty, perche’ restano umide e il rosti non viene bene: soprattutto e’ difficile renderlo compatto e croccante in superficie.
Ecco perche’.
Banale o no che sia l’errore, io non lo sapevo.
Ma questa volta non ho fallito: avevo un chilo di patate lessate il giorno prima  giorno prima con la buccia (grazie al metodo del solco attorno -lo conoscete?- non trovo piu’ faticoso sbucciarle dopo la cottura)  e non utilizzate ed ecco i saporitissimi rosti, in un attimo!

Tra l’altro sono un piatto utilissimo per riciclare con sapore e semplicemente le patate lesse in esubero: per semplicemente intendo senza dover aggiungere tanti ingredienti!

rosti

INGREDIENTI

patate lessate con la buccia il giorno prima

sale

burro di malga

PROCEDIMENTO

  1. Privare le patate della buccia e schiacciarle con lo schiaccia patate (non frullatele, mi raccomando: ci vuole proprio lo schiaccia patate a mano, quello fatto come un colino dotato di leva, nel quale si schiacciano le patate ed escono a fiocchi dai forellini
  2. Salare i fiocchi cosi’ ottenuti
  3. In un padellino caldo e imburrato versare un po’ di fiocchi di patate cercando di creare un disco regolare e farlo arrostire bene prima di girarlo
  4. Se i bordi saranno ben arrostiti potrete provare con una spatola flessibile a staccarli dal fondo del padellino per vedere se il rosti di patate che avete appena creato e’ compatto
  5. Se avete l’impressione che cercando di sollevarlo con la spatola si rompa, proseguite la cottura, altrimenti sollevate il rosti e appoggiatelo un attimo su un piatto caldo foderato di carta assorbente
  6. Ungete con altro burro il padellino e adagiateci dentro il vostro rosti, ovviamente capovolto in modo da cuocere anche il lato B

Il procedimento vale per tutti i rosti.

Serviteli caldi perche’ sono il massimo.

 

 

33 thoughts on “Rosti di patate, una ricetta semplice e saporita, anche di riciclo

  1. Li conosco bene e sono favolosi!
    Io li faccio nel padellino dei blinis, tanti piccoli monoporzione, si fa prima e sono molto sfiziosi 🙂
    Grazie per aver condiviso la tua ricetta nella Settimana degli Avanzi 😉

    1. Si, li sto facendo proprio ora, da accompagnare allo stoccafisso bollito (stiamo leggere 😀 😉 )

  2. Pingback: roof repair
  3. Pingback: DMPK Services
  4. Pingback: real estate agents
  5. Pingback: home1
  6. Pingback: 검증사이트
  7. Pingback: Recipes
  8. Pingback: Predrag Timotic
  9. Pingback: diyala+ sciences
  10. Pingback: Good guy
  11. Pingback: Predrag Timotić
  12. Pingback: In vivo PK
  13. Pingback: laws
  14. Pingback: blacharz łódź
  15. Pingback: online casino list
  16. Pingback: 토토사이트
  17. Pingback: fuck islam
  18. Pingback: In Vivo metabolism
  19. Pingback: Free UK Chat Rooms
  20. Pingback: vanilla card
  21. Thank you for any other great post. The place else could anyone
    get that kind of info in such an ideal way of writing?
    I’ve a presentation subsequent week, and I am on the search for such info.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*