Quando ti innamori di un libro: I GUSTOSI, SCELTI, ECONOMICI DESINARETTI DI PETRONILLA

E come avrei fatto a non comprare questo (e non solo: ne sono in arrivo altri per posta, in edizione origina Anni 30) libro della prima foodwriter italiana, Petronilla?
Non e’ solo un libro di ricette, anzi di menu di tre portate, ma un inno al buon gusto, nel senso che -scritto in periodo di assoluta austerity-  guida tra i meandri del far da mangiare con nulla in maniera esemplare e -soprattutto- col sorriso.

Perche’ vedete, un conto e’ dover fare i conti con l’arrivare a fine mese e un altro e’ sentirsi mortificate.
E cio’ che fa Petronilla nel suo libro e’ impagabile: gira in positivo le difficolta’ quotidiane della massaia del suo tempo, che -ricordiamo- erano gli Anni 30, mica storie.

Hai solo 4 uova per 6 commensali?
Non ti preoccupare: le batti con un po’ di farina, cosi’ e cosi’, e con della verdura aggiunta ecco che preparerai delle focaccine deliziose per tutti.
Hai delle mele e null’altro per il dolce?
Ma tranquilla, ci sono mille cose che puoi fare, ad esempio le marini a fettine con poco vino o del marsala (ne basta pochissimo) e con lo zucchero, poi spargi del pangrattato su una teglia imburrata, copri con le mele, metti ancora pane e zucchero e mandi in forno: chi resistera’ a quel dolce quando uscirà caldo e profumato e lo porzionerai nelle coppette?

Capite cosa intendo?
Una gran donna: “Se anche il borsellino non vi consentisse, di comprare un bel pezzo di mnzo he sarebbe necessario per sfamare tutta la famiglia… vi insegnerò come potete, con poca merce, preparare un pranzetto piu’ che sufficiente per tutti.”

Ed ecco che sostituisce il manzo con carne meno nobile da lesso e ossa, con cui fare il brodo per il primo e un tortino in forno di secondo: facile e sostanzioso.
E finisce con le castagne, che riempiono gli stomaco e sono dolci.
Voila pronto il menu: eppure, senza, chiunque si sarebbe spaventato.


Pastina in brodo

Tortine di lesso
Castagne al finocchio

Il libro e’ tra le mie mani da ieri sera e non riesco a smettere di trovare piatti economici ed interessanti da fare, piccoli guizzi di ingegno, trovate furbe.
Un mito di Cucina Economica da leggere e provare, perché con la foglia d’oro nel piatto stupisci un giorno, ma e’ con il sapore di ogni giorno che mandi vanti la baracca.

Credo che Petronilla ricorrera’ spesso su La Masca in Cucina, cari miei: ma vi piacerà’, lo so gia’.

 

One thought on “Quando ti innamori di un libro: I GUSTOSI, SCELTI, ECONOMICI DESINARETTI DI PETRONILLA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*