Prendi delle pere e… TORTA ALLE PERE MADERNASSE

 Buongiorno, in questa gelida mattina, e accompagniamolo con una fetta di torta alle pere madernasse, specialissimo dolce cuneese!
Da alcuni giorni siamo in dicembre, il mese del Natale e della neve.
Praticamente io ci sguazzo, perché adoro entrambe le cose.

E poi, dicembre in montagna e’ magico: del resto, non sarebbe dicembre senza il freddo che ti pizzica il naso e il candelotto di ghiaccio che ti sgocciola in testa quando esci di casa.
Nel Cuneese, poi, abbiamo panorami fantastici in inverno, e ne andiamo parecchi fieri (piu’ avanti vi mostrerò un assaggio, ma non subito, così, per tenervi in suspence!)
 
“E fa nen vede ch’ t veni da Côni”… Era la raccomandazione che davano un tempo le mamme al figlio che partiva soldato, o che andava a studiare all’Università a Torino. Non far vedere che vieni da Cuneo.
Raccomandavano, in sostanza, di non mostrarsi un po’ provincialotti, magari anche un ‘cicinin’, una ‘brisa’ montanari: niente di male, in verita’, ma all’epoca della TV in bianco e nero la cosa aveva peso e si notava molto più di adesso.
Quindi la famosa e bistrattata globalizzazione ha migliorato le cose, perché adesso nessuno ci raccomanda piu’ di nascondere il nostro luogo di provenienza.
Anzi, e’ diventato un bene prezioso evidenziare le peculiarità che fanno del territorio italiano un caleidoscopio di risorse artistiche, linguistiche, culturali ed anche enogastronomiche.
E cosi’, divagando divagando, siamo arrivati al cibo, guarda caso.
 
Percio’, se cominciassimo a parlar di infornare una bella torta, adatta anche alla colazione?
Col freddo, meglio buttar giù due calorie, prima di uscire.
 
E allora, compriamo della frutta del territorio, ad esempio delle pere Madernasse, che si conservano bene (diciamo pure che sono dure dure, assai poco adatte ad esser consumate crude): possiamo farle cotte nel vino, con la cannella,  ma pure confezionare una torta tradizionale.
Veniamo alla ricetta:
 
TORTA ALLE PERE MADERNASSE
 
RIPIENO:
 
Si sbuccia e si cuoce 1 kg di pere madernasse in acqua, vino rosso (dolcetto va benissimo) e zucchero, meglio se di canna, con un pizzico di cannella e un chiodo di garofano.
Le pere dovranno esser semicoperta dal liquido, quindi la quantità di acqua e vino dovrete valutarla sul momento.
Quando sono  morbide si scolano bene e si schiacciano con la forchetta, aggiungendo:
 
200 grammi di amaretti pestati finemente (non picchiateli, passateli al mixer!)
50 grammi di mandorle tritate
40 grammi di cacao amaro
1 bicchierino di rhum
2 cucchiai di zucchero.
 
CONFEZIONE DELLA TORTA:
 
A questo punto si fa la pasta frolla (la ricetta base o la vostra personale vanno benissimo).
Considerate che dovrete impastarne una quantità doppia rispetto ad una normale crostata, perché vi occorreranno due dischi di pasta, e non uno solo.
Io per questa particolare torta di solito impasto 250 g. di farina con 125 di burro e altrettanti di zucchero, piu’ un uovo e un po’ di lievito per dolci, così rimane soffice.
Oppure, potete cercare l’impasto usato per la Tarte Tatin : e’ adattissimo anche quello!
Nella foto in alto vedete il risultato!
 
Formate quindi i due dischi: con uno si fodera la tortiera imburrata e con l’altro si ricopre il ripieno, sbucherellando un pochino la superficie, per cuocerla poi in forno a 250 gradi (e’ il massimo per un forno di casa, ma si tratta di una temperatura medio/bassa per quello a legna) per circa 20 minuti.
Il tempo e’ variabile, in realta’, perché dipende dal forno.
In ogni caso, visto che il ripieno e’ già cotto, quando vedete che la frolla e’ pronta, la torta e’ da sfornare.
 
Se usate l’impasto per la Tarte Tatin, non potrete fare i due dischi, perché e’ troppo morbido, ma lo potrete utilizzare a cucchiaiate, livellandolo.
 
Mi raccomando, però: che siano pere Madernasse; se non le conosci, ‘t veni nen da Côni’ !
 
Scherzo… La torta viene ottima anche con altri tipi di pere!
Eccole: ottime anche cotte intere nel vino. Si mangia anche la buccia!

37 thoughts on “Prendi delle pere e… TORTA ALLE PERE MADERNASSE

  1. Bellissima ricetta!!! Semplice e genuina, negli ingredienti evoca sapori antichi un po’ ‘ dimenticati … Brava!

  2. Grazie!
    In effetti e’ buona, e non dolce in modo stucchevole, proprio come le torte della nonna.
    E poi e’ facile, il che e’ ottimo, perche’ cimentarsi in cose complicate puo’ risultare frustrante… almeno, per me lo e’.
    Quando non riesco mi innervosisco!

  3. Pingback: lose weight vegan
  4. Pingback: guaranteedppc.com
  5. Pingback: 蜘蛛
  6. Pingback: 主页1
  7. Pingback: warehouse for sale
  8. Pingback: plus de détails
  9. Pingback: 主页11sd1
  10. Pingback: Recipe Videos
  11. Pingback: forex signals
  12. Pingback: Tuzilac
  13. Pingback: sbobetasia mobile
  14. Pingback: gypsies
  15. Pingback: Predrag Timotić
  16. Pingback: see post
  17. Pingback: blacharz łódź
  18. Pingback: kids porn
  19. Pingback: buy nandrolone
  20. Pingback: use this link
  21. Pingback: silne krwawienia
  22. Hey I know this is off topic but I was wondering if you knew of any widgets I could add to
    my blog that automatically tweet my newest twitter updates.
    I’ve been looking for a plug-in like this for quite some time and was hoping maybe you would have some experience with something like this.

    Please let me know if you run into anything. I truly enjoy reading your blog and
    I look forward to your new updates.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*