Pollo detox? Iposodico, ipocalotico e saporitisimo

A volte proprio non ci si pensa che accostando alcuni ingredienti semplici si possa creare un piatto in grado di essere soddisfacente, saporitissimo e perfino di reggere il passo di fronte alla domanda: ” Ma ora che ti sei abbuffato per 15 giorno che fai? Ti nascondi o cerchi di mangiare meglio?”
Francamente, sono contraria allo stringere la cinghia di colpo, perche’ il sacrificio sarebbe troppo grande ed immediato per esser affrontato bene: non siamo al mondo per patire

La mia idea e’ piuttosto quella di scivolare lentamente  verso un regime “ipo” (iposodico, ipocalorico, ipoglucidico…), ma piano, in modo da abituarsi.

Ho assistito una cottura particolare condotta da chef Andrea Meinardi, che concerneva la preparazione di un finto sushi di pollo con cui preparare un antipasto per stupire durante il pranzo natalizio, e mi sono resa conto che quella era anche una fantastica idea saporita e detox!
Sapete bene che il pollo  non si può mangiare crudo (gli animali non vengono vaccinati  quindi occorre stare molto attenti), ma il sistema di cottura dello chef e’ sicuro e ve lo descrivo passo/passo: leggerete gli ingredienti e vi stupirete.
..

INGREDIENTI

fettine di petto di pollo: una per commensale

1 barattolino di peperoni sott’aceto, rossi e gialli

1 barattolino di capperi

1 barattolino di olive taggiasche in salamoia

pellicola trasparente, preferibilmente quella per micro onde, che resiste alle alte temperature

1 pentola di acqua bollente salata

METODO DI COTTURA di Meinardi per il finto sushi di pollo

Una volta ultimata la preparazione del piatto a crudo, per metterlo in sicurezza col metodo di Meinardi e’ necessario:

1. Fare bollire una pentola di acqua

2. Avvolgere il finto sushi di pollo nella particolare pellicola trasparente che regge le alte temperature (non e’ quella che normalmente si trova in commercio, ma un tipo particolare che oggi e’ reperibile insieme alle plastiche per il sottovuoto)

3. Tuffare la preparazione nell’acqua dopo averla sforacchiata con la forchetta

4. Spegnere e dimenticarsene fino a raffreddamento quasi ultimato.

Pensandoci su, sono tornata a casa con l’idea di modificare la ricetta per realizzare un piatto gustosissimo a ZERO contenuto di GRASSI, e SENZA SALE AGGIUNTO, quindi adatto, secondo me, anche ad una dieta iposodica.

A realizzare la mia pensata ci ho impiegato qualche tempo, va beh, ma avevo troppe cose a cui star dietro!

Eccoci alla ricetta standard e poi quella realizzata col sottovuoto #sousvideAlladin di Tecla!

7. Tuffateli nella pentola di acqua caldissima, spegnete il fornelli e dimenticarveli, col coperchio, per almeno un’ora: l’ideale e’ lasciarli raffreddare in pentola

8. Prelevate i rotolini dall’acqua, togliete la pellicola e tagliateli a fette con un coltello molto affilato, per non romperli.

9. Si possono servire come finger food, sia freddi (in estate) che tiepidi (scaldandoli al micro onde), su letto di insalata ed eventualmente accompagnati con salsa di soia, che ci sta benissimo.

A questo punto, vorrei anche -se possibile- parlavi della mia innovazione, che utilizza la macchina per cuocere sottovuoto in forno.

  1. Accendete il forno a 180 gradi
  2.  Adagiatevi sul tagliere con una pellicola PROVVISORIA una fettina di petto di pollo: se volete salate, ma con i sapori aciduli degli altri ingredienti potrebbe perfino non servire
  3. Disponete sul pollo le falde di peperone e i capperi e olive, in modo da coprirla tutta, lasciando appena un bordo attorno libero (piu’ o meno mezzo centimetro)
  4. Aiutandovi con la pellicola PROVVISORIA, arrotolate tipo sushi il pollo farcito e chiudete la pellicola alle due estremita’ del cilindretto che si otterra’, facendo anche un nodino da entrambi i lati, per sicurezza.
    Cercate di stringere bene il rotolo mentre lo si fa, perche’ si compattera’ meglio e per affittarlo dar’ piu’ facile.
  5. Compattate bene con le mani, ripetete per altri rotoloni e poi TOGLIETE la pellicola, adagiando i rotoloni sulla griglia forata di mezzo della teglia da sottovuoto di Alladin
  6. Spruzzate appena di aceto bianco o di aceto di mele e fate il vuoto con la macchina
  7. Infornate, abbassate a 160 gradi e lasciate andare un’ora
  8. In uscita dal forno fate raffreddare e tagliate a settori il vostro finto sushi di pollo, servendo con insalata di stagione e salsa di soia, se volete.Qualunque sia il metodo prescelto, servite il vostro finto sushi con salsa di soia e insalatina e farete un figurone!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*