Pasta matta rustica con clorofilla di rucola e rucola tritata

 

Una torta salata salva sempre la situazione, cosi’ come confezionare due tartine di corsa, e per far questo basta davvero poco: in un attimo la pasta matta e’ pronta da usare, sia nella forma classica (quella della focaccia di Recco, tanto per capirci) sia in questa variante rustica che ho preparato con la clorofilla di rucola e la rucola tritata (io mi fornisco da Ortoromi), che troverete spiegata passo passo QUI.

Sono sempre di piu’ dell’idea che, anche se tutti ci stupiamo piacevolmente davanti a certe preparazioni degli chef, che sembrano quadri d’autore, nella cucina di ogni giorno ci voglia inventiva per preparare in fretta qualcosa che non sia la solita fettina in padella, che sia sfiziosa, economica, facile ma non banale.

A me piacciono molto le torte salate, che spesso costituiscono sia un salva cena eccezionale che una soluzione non costosa per saziare, ma soprattutto un eccellente svuotafrigo.

Che farsene, altrimenti, delle due fettine malinconiche di prosciutto che ululano di tristezza sul ripiano in alto, o della mezza vaschetta di stracchino incautamente dimenticata aperta da due giorni?
Prima che vadano a male, perche’ il cibo non si butta mai via, si confeziona una “sfoglia” veloce, elastica in stesura, ma morbida o croccante in cottura (questione di minuti in piu’ o in meno di forno) e via!

La pasta matta e’ eccezionale in questo senso, ed economica, perche’ fatta solo di farina, olio e acqua: piu’ semplice di cosi’!
In quella per la focaccia di Recco non ci va nemmeno il sale, ma potete anche metterne un pizzico, se vi piace, e non commetterete nessun errore particolare.
La ricetta tradizionale la trovate QUI, e per la consistenza della pasta vi consigli di guardare il mio

VIDEO SU YOUTUBE 

perche’ vi dara’ un’idea migliore di una paginata di spiegazioni.

Ma veniamo alla ricetta della pasta matta rustica con aggiunta di clorofilla di rucola: intanto e’ bello il colore, allegro e primaverile, e poi il sapore completa l’insieme, ed e’ infine un modo “occulto” per far mangiare la verdura a chi non la vuole.

INGREDIENTI per la pasta matta rustica

250 g di farina (vanno bene un po’ tutte, ma forse la 0 e’ in questo caso la migliore)

2 cucchiai di olio extravergine di oliva

acqua q.b. (siamo comunque sotto i 200 ml)

50 g di clorofilla di rucola (QUI la ricetta)

1 cucchiaio di rucola tritata finemente

PROCEDIMENTO

1. Mescolate in una terrina farina, clorofilla, rucola tritata e olio, aggiungendo acqua q.b. per ottenere un impasto che si stacchi perfettamente dalle mani e dalla ciotola, ma sia coeso perfettamente, pur restando abbastanza molle ed elastico.
Se avrete la pazienza di guardare il mio video, come vi ho detto, capirete esattamente la morbidezza ottimale
La pasta restera’ molto verde grazie alla presenza della clorofilla e nel contempo sara’ a puntini: l’effetto e’ molto gradevole alla vista e adatto alle torte salate, che sanno sempre di rustico e di scampagnata.

2. Fate una palla con la vostra pasta matta rustica, ungetela di olio e lasciatela riposare al fresco almeno 20 minuti avvolta nella pellicola.

3. Infarinate la spianatoia e stendete la pasta: vedrete che bel velo verde potrete utilizzare!

NOTA: questa pasta matta rustica e’ straordinariamente elastica, se correttamente eseguita, e vi dara’ grandi soddisfazioni, perche’ si tirera’ sottile sottile senza alcuna fatica.

A prestissimo con una sfiziosa ricetta in abbinamento ad un ottimo vino!

 

31 thoughts on “Pasta matta rustica con clorofilla di rucola e rucola tritata

  1. Pingback: GVK BIO PK
  2. Pingback: iraqilaws
  3. Pingback: FTE Chemistry
  4. Pingback: guaranteedppc.com
  5. Pingback: meet company ppc
  6. Pingback: Louboutin Outlet
  7. Pingback: Java Tutorial
  8. Pingback: gonadon 250
  9. Pingback: telefoonhoesjes
  10. Pingback: Pharmacokinetics
  11. Pingback: boutique en ligne
  12. Pingback: new casinos nz
  13. Pingback: krwawienie
  14. Pingback: Free UK Chat Rooms
  15. Pingback: reviews
  16. Pingback: PK dosing schedule

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*