Mini brioches soffici e facili

Ora, se devo dirvela tutta, l’idea di fare queste mini brioches soffici e veloci mi e’ venuta dopo aver visto quelle che la mia amica Chiara G. ha postato su Facebook, fatte da lei: le ho chiesto la ricetta e giuro che avevo seriamente intenzione di seguirla alla lettera, ma lsapete che la Masca che ospito in cucina ogni tanto fa i dispetti, vero?

Vado a spiegare: ci sarebbero voluti circa 350 g di farina e, anche se Chiara ha usato il lievito di birra, io avevo intenzione di usare la pasta madre, e calcolavo di metterne 300 g perche’ l’impasto crescesse bene, e in fretta.

Solo che poi mi sono caduti dentro altri 100 g: mi sono seriamente scivolati dentro 100 g di farina i piu’, per distrazione.
Che fare?

Ormai la pasta madre era in contatto con la farina e non potevo toglierla, e allora l’ho lasciata.
Ho conservato anche le stesse quantita’ degli altri ingredienti, pensando che forse non era una buona idea, ma le percentuali di differenza erano esigue, per cui valeva la pena di provare.

Le mini brioches invece sono venute benissimo!

Ed ecco quindi a voi l’impasto dell’impiastro (che poi sono io!)

INGREDIENTI

450 g di farina 0

300 g di lievito madre

70 g di burro ammorbidito, ma non fuso (sono quasi dietetiche, tutto sommato!)

70 g di zucchero

150 ml di latte tiepido

1 uovo

i semi di un baccello di vaniglia

marmellata e Nutella q.b.

PROCEDIMENTO

1. Impastare tutti gli ingredienti con la planetaria fin che non si abbia una massa ben liscia e morbida, ma non appiccicosa, anche se abbastanza molle.
Se si opera a mano, direi di aggiungere come sempre il burro poco alla volta.

2. Mettere a lievitare per 4 ore, coprendo con pellicola, in luogo tiepido: io ho la stufa in maiolica, e ho messo sopra, in alto, la ciotola appoggiata alla superficie della stufa con un distanziatore in mezzo, perche’ l’impasto non si scaldasse troppo.

3. Riprendere l’impasto con le mani appena infarinate e stenderlo sulla spianatoia, spolverata di farina, ricavando col mattarello uno o due ‘fogli’ sottili di pasta (meglio lavorarne meta’ alla volta, perche’ si allarga parecchio), da cui tagliare i triangoli per fare i cornetti, o i quadrati per ricavare i fagottini.
Ne ricaverete parecchi, direi almeno 25, forse qualcuno in piu’:  li abbiamo assaggiati ripetutamente senza contarli, per cui non saprei dirvelo con certezza, ma erano comunque 3 teglie grandi piu’ una piccolina.

4. Farcire a piacere, modellare  e mettere a lievitare ancora un’ora, sempre in luogo tiepido, sulle teglie coperte di carta da forno.
Dovreste, alla fine, avere delle brioscine di 8-10 cm di lunghezza, ma niente vi vieta di farle piu’ grosse!

5. Accendere il forno a 190-200 gradi ed infornare fino a leggera doratura: sarebbe bene, e carino, spennellare le brioscine con latte o rosso d’uovo sbattuto con l’acqua, ma vi diro’ che me ne sono dimenticata, ed erano buone lo stesso!

Anzi: bianche così sono molto eleganti, non trovate?

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*