Marmellata di arance, con limone e rum: profumatissima!

 

Cari Amici, guardandola col senno di poi questa e’ una delle prime ricette del blog e la foto e’ davvero terribile, ma la marmellata e’ valida, per cui vi prometto che alla prima occasione rifaro’ la fotografia.
E poi entrando in inverno, non si puo’ perdere l’occasione per preparare la marmellata di arance, con limone e rum: profumatissima e buona.
Inoltre, e’ il naturale complemento del liquore all’arancia, nel senso che gia’ che ci sono prelevo la buccia, la metto in infusione in alcool e con la polpa faccio la marmellata.
Praticamente non butto via nulla se non davvero gli scarti interni!

INGREDIENTI

2 kg di arance non trattate

zucchero (40% del peso delle arance dopo che sono state spellate, quindi non posso dirlo a priori)

il succo di un limone grosso (o di 2 piccoli)

1 bicchierino di rum scuro

PROCEDIMENTO

1. Sbucciare le arance, eliminando il piu’ possibile le pellicine bianche, pesarle e metterle a pezzi piccoli in una pentola adeguata per volume, e col fondo spesso.

2. Aggiungere zucchero in proporzione del 40% del peso della frutta (potete fare anche il 50%, se vi piace una marmellata molto dolce), e accendere il fuoco, a fiamma bassa

3. Rimescolare spesso per non far attaccare le arance sul fondo: iniziando a cuocere i pezzi si ammorbidiranno, perdendo anche quel minimo di acqua che consentira’ alla miscela arance-zucchero di mescolarsi e cuocere senza aggiunta di acqua.

4. Quando le arance saranno abbastanza ‘disfatte’ togliete la pentola dal fornello, passate tutto col frullatore ad immersione, aggiungete il succo di limone (e’ ricco di pectina, un addensante naturale), rimescolate e rimettete sul fuoco.

5. A questo punto la miscela e’ abbastanza liquida da poter esser lasciata per alcuni minuti da sola, ma ogni tanto occorre mescolare, e farla sobbollire lentamente fin che non si sentira’ il classico odore ‘di marmellata’.

6. Ci vorra’ almeno mezz’ora (dipende dalle arance) prima che una goccia di marmellata fatta cadere su un piattino freddo gelifichi senza colare via quando lo inclinate: a quel punto e’ pronta, e sta a voi decidere se farla densificare di piu’ o di meno. il tempo proposto e’ indicativo, perche’ puo’ volerci anche di piu’!

7. Quando vi pare della densita’ giusta, aggiungete il rum, fate sobbollire ancora alcuni minuti, poi spegnete.

8. Versate SUBITO la marmellata bollente nei barattoli che avrete sterilizzato in precedenza, chiudeteli e capovolgeteli su un tagliere di legno: l’aria, uscendo, sigillera’ il contenuto sottovuoto.

9. Rigirate i barattoli e riponeteli il giorno dopo, quando sarete sicuri che siano freddi, controllando che il coperchio, schiandolo in centro, non faccia CLACK: se lo fa, non sono sigillati, e dovrete farli bollire. Ma di solito non succede!

NOTA: Con le quantita’ che vi ho detto, facendola consumare perche’ densificasse, ho prodotto 2 barattoli da 500 grammi piu’ uno da 300.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*