Lasagnette coi carciofi?

 

 

Ottime, ma proprio ottime, sono le lasagnette (o maltagliati) con il sugo bianco di carciofi: provare per credere!
A Genova le lasagne, e le lasagnette, si chiamano mandilli de sea, cioe’ fazzoletti di seta, proprio perche’ sono sottili e quadrate come i fazzoletti.
Mia nonna preparava spessissimo questo sugo di carciofi, che usava per condire le tagliatelle e le lasagnette, che erano la mia pasta preferita.

INGREDIENTI:

– lasagnette fatte a mano, con la ricetta cassica della pasta fresca, oppure acquistate gia’ pronte, sotto forma di piccoli rettangolini di pasta all’uovo.

– 2 carciofi con le spine, come quelli liguri

– 1 cipolla

un bicchiere di latte e panna mescolati insieme ( se non la temete, anche solo panna va bene, anzi meglio!)

– mezzo bicchiere di brodo vegetale

– 1 manciata di parmigiano reggiano grattugiato

– prezzemolo, vino bianco secco, olio extravergine di oliva, sale, pepe q.b.

PROCEDIMENTO

1. Mondare i carciofi da tutte le foglie dure, tagliare via le punte spinose e conservare solo il cuore e la parte di foglie vicino ad essa (regolatevi arrivando piu’ o meno fino a 2/3 dell’altezza totale del fiore di carciofo), mettendoli a bagno in acqua e limone perche’ non anneriscano.

2. Soffriggere in olio extravergine di oliva (prediligete il taggiasco, che e’ dolcissimo e ben si sposa con l’amaro delicato del carciofo) la cipolla affettata sottile col prezzemolo tritato, sfumando con un pochino di brodo vegetale per consentire alle cipolle di cuocere senza bruciacchiare.

3. Aggiungere i carciofi dopo averli affettati molto finemente, sfumare col vino bianco (poco alla volta) e far cuocere, aggiungendo, se occorre, un pochino di brodo.

4. A meta’ cottura aggiungere latte e panna, abbassando l’intensita’ della fiamma (non conviene farlo prima perche’ tendono a schiumare e consumare in fretta); regolare di sale e pepe ed aver cura (eventualmente aggiungendo ancora un pochino d brodo) che il sugo resti abbastanza liquido.

5. Scolare le lasagnette al dente e condirle, spolverandole di parmigiano reggiano grattugiato prima di servire.

E se invece le volete tradizionali?

Allora LASAGNE AL FORNO! Non credo sia il caso di fornire la ricetta nei dettagli, perche’ la conoscerete di sicuro.

In ogni caso si procede cosi’: si prepara una bella quantita’ di ragu’ o sugo di carne, una pentola piena d besciamella, e ci si procurano le lasagne fresche al banco frigo (quelle che cuociono direttamente in forno), oppure si impastano in casa (ma poi vanno lessate una alla volta, e la procedura e’ davvero noiosa!).

A questo punto si dispongono alcuni fiocchetti di burro sul fondo della teglia da forno, vi si versa sopra un mestolino di sugo ed uno di besciamella, e poi si parte con gli strati: lasagne/sugo/besciamella/lasagne/sugo/besciamella… e via fin che si ha materiale.

Alla fine gran spolverata di parmigiano reggiano grattugiato, infiocchettata di burro e via nel forno!

La resa ricompensa ampiamente del tempo speso nella confezione del piatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*