E se andiamo al ristorante San Michele in Contrada Mondovi a Cuneo?

 

Ce l’ho fatta: nel mio tour dei ristoratori artigiani di MangiArti che cucineranno per 500 persone alla cena Mille luci nel piatto sono riuscita a passare anche al ristorante San Michele in Contrada Mondovi a Cuneo: la cosa non e’ stata indolore, perche’ nel frattempo ho rotto il tacco di un sandalo, il che ha comportato anche una sosta tecnica per acquistarne un paio nuovo.

mille luci nel piatto

Via Roma pero’ e’ quel tempio dello shopping che e’, per cui non ho incontrato grosse difficolta’.

Per intervistare il signor Bruno del ristorante San Michele ho dovuto invece inseguirlo fino al suo bar Sebastian sul Lungo Gesso Giovanni XXIII: carino, elegante, col dehor tranquillo, accoglie con eleganza in una saletta ricca di antichi orologi a pendolo.

“Per non farci mancare nulla ci siamo presi anche la grana di questo locale” dice il signor Bruno, ma si vede che e’ contento
“Il ristorante e’ poco lontano da qui, per fortuna, cosi’ si riesce a curar tutto al meglio.
Ormai siamo nella ristorazione da 28 anni e il San Michele e’ aperto da 18.
Venga, glielo mostro.”

Sapete quanto sono curiosa, per cui ho colto l’invito con entusiasmo: il locale e’ davvero elegante, con le colonne in pietra e i tavoli rotondi: Cuneo ha tanti palazzi d’epoca ed e’ bello che parecchi siano diventati fondali per ristoranti di charme, ovvero “la scena” sulla quale si muovono gli chef come gli attori a teatro.

Il San Michele si sviluppa su due piani per un totale di circa 50 coperti e offre un menu di circa 25 portate che spaziano da quelle molto tradizionali ad altre interpretate in maniera innovativa piu’ alcune di pesce.

san michele

“Il nostro piatto migliore?
Mah, il migliore non saprei, ma so per certo che i clienti apprezzano moltissimo il vitello tonnato alla vecchia maniera, cioe’  come lo si faceva un tempo: senza maionese.
E’ sempre molto richiesto” continua il signor Bruno mentre mi offre un caffe’.

La carta dei vini scopro che e’ interamente italiana, il che mi riempie di sano nazionalismo enogastronomico: dobbiamo crederci noi per primi di esser di qualita’ se vogliamo che anche gli altri ci riconoscano tali.

Chiedo come mai hanno deciso di aderire al gruppo dei ristoratori che hanno organizzato Mille luci nel piatto?

“Beh, perche’ e’ un’iniziativa che da’ visibilita’ alla citta’, e le da’ anche una scossa, se vogliamo.
E’ una novita’ in molti sensi, a cominciare dall’unione di 10 ristoratori per un fine comune: non e’ poco.
E poi sono stato a Valencia a febbraio e ho visto l’Iluminata di la’.
Spaziale: tanti figuranti oltre alle luci e alla musica e un mare di gente a vedere.
Bellissima”

La ricetta che il ristorante San Michele ci regala e’ un dolce.
Siete pronti? Et voila.

La sfogliatella di mele con crema al rhum
Per 4 persone
2 mele
2 tuorli d’uovo
3 cucchiai di zucchero
150 gr di panna fresca
4 stampi mono porzione per crostate
Tirare la pasta sfoglia con spessore minimo nello stampo monoporzione e appoggiare mezza mela
Miscelare bene la panna liquida con le uova e zucchero
Versare questa crema nello stampo e cuocere in forno a 180 gradi per 15 minuti
Miscelare la crema inglese con un po di panna e rhum a vostro piacimento
adagiandola sul piatto e posate il tortino caldo sopra.

32 thoughts on “E se andiamo al ristorante San Michele in Contrada Mondovi a Cuneo?

  1. Pingback: costa rica escorts
  2. Pingback: green coffee
  3. Pingback: cmovieshd
  4. Pingback: 움짤
  5. Pingback: Array Questions
  6. Pingback: college of colarts
  7. Pingback: Caco2
  8. Pingback: PK Studies in Mice
  9. Pingback: system
  10. Pingback: iPhone usati
  11. Pingback: new casinos nz
  12. Pingback: bitcoincasino
  13. Pingback: gambling
  14. Pingback: 토토사이트
  15. Pingback: silne krwawienia
  16. Pingback: In Vivo PK Studies
  17. Pingback: UK Chat
  18. Pingback: website

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*