Dal Priceless di Milano una vista tutta da gustare

 

Credo che essere una persona semplice sia il mio segreto per entusiasmarmi ancora -alla mia eta’- per il bello e l’insolito ed e’ quello che e’ accaduto ieri sera quando sono salita sul tetto di Palazzo Beltrami per visitare il neonato temporary restaurant Priceless, nato all’interno del Progetto Priceless Cities di MasterCard (attivo in 35 citta’) in collaborazione con lo studio Park Associati (che ha interamente progettato la struttura) e Intesa San Paolo.

Avendo viaggiato parecchio (mi sento una privilegiata mentre lo scrivo) posso assicurarvi che se sali sui tetti della citta’, che tu sia sullo Shard di Londra o sull’Apribottiglie di Shanghai o perfino sullo Space Needle di Seattle o al ristorante girevole della Torre tv di Vienna ma anche allo Schlossberg di Graz o sulla Mole Antonelliana di Torino, tutto cambia prospettiva e da li’ non vorresti piu’ scendere.

Ebbene: vedere Milano dall’alto (e questo lo si puo’ fare anche dal quartiere nuovo attorno a Piazza Gae Aulenti) e dal suo cuore, con sotto gli occhi La Scala, Palazzo Marino, la Galleria e la statua di Leonardo e di fronte a se’ le guglie del Duomo, ecco, questa e’ una cosa speciale davvero.

priceless

Pranzare o cenare lassu’ sarebbe bello, e adesso col neonato Priceless per i sei mesi di Expo 2015 sara’ possibile su prenotazione: si tratta di un ristorante alloggiato in una struttura effimera (nel senso di amovibile) e suddivisa in due parti, per essere adibita a sala da pranzo o a sala-reception per vernissage ed eventi.
C’e’ dietro un grande progetto fatto di studio -innanzitutto- e di ricerca di soluzioni particolare, in profilato metallico e cristallo.
Sui materiali e la struttura potrete consultare la breve scheda che ho preparato per voi in calce all’articolo, ma sul perche’ e sul come e su tutto cio’ che evoca parliamone pure adesso, perche’ merita.

Lasciatemi solo fare due esempi.
A Shanghai, su un tetto del Bund, quartiere elegante di palazzi costruiti a cavallo tra l’800  il ‘900 lungo il fiume Huangpu,  c’e’ una specie di torretta circolare nella quale ha sede il ristorante piu’ esclusivo della citta’, arredato con un unico tavolo che si puo’ apparecchire per un ristrettissimo numero di persone.
A Puskin, in uno dei palazzi degli zar attorno a san Pietroburgo, c’e’ un padiglione in giardino nel quale il tavolo, gia’ apparecchiato, viene issato con corde e portato nella piccola saletta da pranzo circolare.
Sono chicche che ho avuto la fortuna di vedere.

Unitele entrambe e otterrete un ristorante con un unico tavolo a 24 coperti, il cui piano d’appoggio scende dall’alto sorretto da cavi ed argani invisibili, e sorprende gli ospiti appoggiandosi sui sostegni  a terra sol suo piano lucido color crema, punteggiato di stelle, per creare continuita’ con quelle che alla sera si vedono fuori dalle vetrate: il Priceless!

Gia’, le vetrate!
La struttura del Priceless e’ in metallo, montata a settori e collaudata in officina per essere facilmente riassemblata sui tetti in un massimo di due giorni (e considerate tra l’altro che l’accesso motorizzato a Piazza della Scala e’ stato permesso -comprensibilmente- solo di notte) ed e’ abbinata a vetrate a “tutto nudo”, nelle quali la cornice e’ limitata al minimo indispensabile, per dare l’illusione di essere sospesi sui tetti milanesi.

La cucina e’ piccola (adatta al numero di piatti da preparare), ma attrezzatissima e soddisfacente: non sono parole mie, ma dello chef Marco Stabile!
E’ anche completamente affacciata sulla sala da pranzo, in modo che “spadella” al Priceless a cosi’ alto livello (in tutti i sensi) sia immediatamente a contatto con gli ospiti: solo la parte preparazione degli ingredienti e’ schermata alla vista, per motivi facilmente comprensibili.

La terrazza esterna e’ un’altra delizia, con parapetti in cristallo che non impediscono la vista, arredata con piccole panchette e divisa dalla sala da pranzo da pareti in vetro scorrevoli alla bisogna, per fornire un grande spazio aperto adatto ad accogliere fino a 66 persone.

Mentre la sala puo’ esser chiusa perfettamente a tenuta per essere condizionata nelle calde serate estive milanesi, il tetto sopra il tutto e’ realizzato in lamiera di alluminio forata e anodizzata in color bronzo-oro, ancora una volta a ricordare il sole di giorno e le stelle la sera, ed e’ una sorta di vela che pero’ lascia intravedere il cielo e i suoi bagliori.

I colori di tutto l’insieme sono il bronzo, l’oro, il grigio del metallo e del gres, l’argento dell’acciaio della cucina: e’ chic, in una parola, e in armonia con il paesaggio urbano.

Ma le cose piu’ belle sono la vista sui tetti, le guglie del Duomo e la Madunina che ti guarda negli occhi.

priceless

Al momento, prima ancora di essere aperto, gia’ ieri il Pricelss aveva prenotazioni per i prossimi 15 giorni, e piacera’ a molti.
Dopo Expo 2015 verra’ smontato e iniziera’ la sua carriera itinerante di girovago di lusso, a caccia di capitali che lo ospitino.
Il primo chef a cucinare al Priceless sara’ Antonello Colonna.

Cari Amici, sapete quanto io sia restia a infarcire di numeri e dati i miei storytelling, ma visto che pochi di noi, tutto sommato, riusciranno a salire lassu’, vi regalo questa tabella e le stelline che mi sono rimaste negli occhi dopo la visita lassu’.

Silvia, #storytellerdiCuneo

Progetto Park Associati
Aree interna ed esterna 2 interne 1 terrazza preesistente
Tavolo Lungo 8 m Struttura in alluminio alveolare Rivestimento in alluminio stampato e vetrificato Sedie MollinaLampade Flos
Coperti 24
Posti in piedi per eventi 66
Pareti Sia fisse che scorrevoli Vetro e profilato metallico
Superficie totale 150 mq
Numero di blocchi componibili della struttura 8 totali altezza 3.30 m Larghezza 2.30 m Lunghezza da 4.60 a 5.90 m
Trasportabile Su gomma
Issabile Con una gru
Tipo di assemblaggio Accostamento dei moduli Tempo richiesto 2 giorni
Box in vetro Moduli fissi Moduli scorrevoli Vetrocamera Trasmittanza 1.0 W/mqw
Telai Taglio termico Tenuta all’acqua garantita
Vela di rivestimento esterno ala in alluminio forata Protegge dall’irradiazione solare Color bronzo
Acustica Soffitto microforato Montanti laterali rivestiti in materiale fonossorbente
Cucina Zona preparazione nascosta Zona cottura a vista Pavimento linoleum Pareti e soffitto laccati opachi
Pavimento Gres ovunque nelle zone a vista

 

 

 

6 thoughts on “Dal Priceless di Milano una vista tutta da gustare

    1. Why, Madame Pasticci? Troppo cibo? Ebbene, si’: abbiamo peccato in tanti a Tuttofood 2015, e adesso ci tocca la dieta!

  1. Pingback: amnesia
  2. Pingback: poker online
  3. Pingback: Law Diyala
  4. Pingback: togel indonesia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*