A Cuneo per MangiArti meglio

Immagina 10 ristoratori di una città e pensali non in competizione, ma consociati per la valorizzazione del territorio attraverso i loro piatti interamente artigiani, dal pane al dessert: complimenti, hai appena descritto MangiArti, l’Associazione dei Ristoratori Artigiani di Cuneo, della quale fanno parte i 10 locali che trovi qui sotto elencati in ordine sparso

CONVIVIUM
TORRISMONDI
SENZA FRETTA
QUATTRO CIANCE
LOVERA
TRATTORIA ROMA
IL NUOVO ZUAVO
SAN MICHELE
I DUE GRAPPOLI
LA CHIOCCIOLA

Che cosa significa ristoratori artigiani?
Semplicemente (si fa per dire) che da loro non troverai semi lavorati e che tutto, dal pane e i grissini al dolce, e’ fatto “in casa”.
Lunedì scorso noi del Masca Team abbiamo curiosato nelle dispense: l’unico prodotto conservato che vi si trova e’ la salsa di pomodoro, per ovvi motivi di stagionalità e di distanza delle piantagioni da Cuneo.
Niente grissini nelle tristi bustine della grande distribuzione, niente torta di nocciole appena tolta dalla confezione del supermercato, ma perfino niente pane cotto altrove o pasta confezionata in fabbrica.
Ma MangiArti e’ molto di più.
La cosa che colpisce e’ l’armonia che regna tra i vari membri dell’Associazione.
Va da se’ che ciascuno abbia la sua clientela e il suo giro, ma è notevole la voglia che hanno di collaborare tra loro: anche quest’anno infatti hanno organizzato la cena MILLE LUCI NEL PIATTO nel bellissimo teatro naturale di via Roma sotto le luci di ILLUMINATA 2016.
Fatti e non parole?
I ristoratori sono già al lavoro per preparare i ravioli del plin da servire durante la magica serata.
Ecco in anteprima le prove: si sono riuniti per darci dentro con pasta fresca e sac à poche!

 

MangiArti

È solo una questione meramente commerciale?

Sei sicuro?

MangiArti


Ti possiamo svelare che c’è molto di più.
Parliamo di rispetto tra un ristoratore e l’altro, ma non solo: parliamo di stima reciproca e di contatto costante.
Lunedì scorso eravamo al Torrismondi a chiacchierare con Paolo Rosa (in arte Pippi) e una delle prime cose che ci ha detto e’ stata “Se serve qualcosa fatemelo sapere perché mando un messaggio nel nostro gruppo di Whatsapp e in un attimo avviso tutti”
Non è banale, credici pure.
Noi lo sapevamo dall’anno scorso, ma ci ha fatto piacere sentirlo dire da Pippi.
Di più: arriviamo alla Trattoria Roma e -chiacchierando chiacchierano con Marianna Rabbia- scopriamo che proprio quella sera in famiglia festeggeranno un compleanno.
Dove andranno a cena?
“Al Convivium, perché è un amico e ha delle idee fantastiche” ci ha detto Marianna.
E mentre siamo li che ti stupiamo chi arriva?
Marco Bertorello del Senza Fretta  con la moglie Daniela -chef in cucina e, come dice lui, capo assoluto- che sono venuti a pranzo dopo aver lavorato a casa loro.
È il secondo anno che lo incontriamo li’ e certo non poteva sapere che ci fossimo anche noi!
Insomma, ci piace l’atmosfera che ti abbiamo descritto e quindi l’invito che ti rivolgiamo è quello di seguire LA MASCA IN CUCINA e il blog SILVIA PASTICCI per conoscere altre curiosità
Ogni giorno ti racconteremo qualcosa sui nostri blog, sulla PAGINA FACEBOOK e sull’ ACCOUNT INSTAGRAM di MILLE LUCI NEL PIATTO.

MangiArti

Silvia e MatteoFalcon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*