Dal mio cookingshow a #ExpoMilano2015 le focaccine di pasta matta ripiene di crescenza e Crudo di Parma DOP su letto di rucola e pomodorini

 

Cari Amici,

ecco la ricetta che ho presentato ad ExpoMilano 2015 il 18 agosto 2015 durante il mio cooking show presso lo stand Beretta: Focaccine di pasta matta ripiene di crescenza e Crudo di Parma DOP su letto di rucola e pomodorini.

Della grandissima felicita’, dell’emozione e della soddisfazione provate -e del risultato funestato dalla pioggia- vi parlero’ domani: adesso mi preme svelarvi la ricetta, perche’ so che eravate curiosi.
Si tratta di una rivisitazione della focaccia al formaggio di Recco, un piatto tradizionale ligure noto in tutto il mondo: anticamente veniva preparato con la quagliata genovese (o precinseua), che poi e’ stata sostituita dalla crescenza, piu’ facilmente reperibile in tutta la regione e anche fuori dal territorio ligure.

Partendo dai tre ingredienti di base (la pasta matta -di semplicissima realizzazione- la crescenza e l’olio extravergine di oliva) ho creato la variante finger food arricchita con Crudo di Parma DOP, adattissima agli aperitivi e ottima sia fritta che al forno.

Questa preparazione mi offre anche l’opportunita’ di far conoscere un’ottima base per torte e strudel salati da preparare al momento, validissima alternativa alle basi pronte del supermercato, magra, economica e molto versatile.

Per il cooking show di Beretta ad Expo Milano 2015, dovendo preparare 100 focaccine, ho optato per la cottura in forno per alleggerire sia l’apporto calorico che il tempo di preparazione.

Ho abbinato le focaccine a un letto di rucola e pomodorini per avere una parte piccante e una acida che, insieme al dolce del Crudo di Parma DOP e al croccante della pasta matta, completino il piatto coi quattro sapori fondamentali.

L’impiattamento ad Expo Milano 2015 prevedeva anche alcune gocce di pesto genovese distribuite sulla focaccina in uscita dal forno.

Tempo di preparazione per 12 focaccine: 10 minuti

Tempo di Cottura per 12 focaccine: 15 minuti (il tempo in ogni caso dipende dale caratteristiche del forno)

Difficoltà: nessuna

Attrezzatura assolutamente necessaria: forno, ciotola per impastare (per non dover raschiare la spianatoia), spianatoia per stendere la pasta matta, mattarello, teglia rivestita di carta da forno, pennello da cucina, coltello, rotella taglia pasta ondulata (da ravioli), coppapasta diametro 12 cm

Ingredienti per 12 focaccine con Crudo di Parma DOP

Per la pasta matta

150 g di farina 00

1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

acqua q.b.

Per il ripieno

100 g di crescenza

80 g di Crudo di Parma DOP a fettine sottili

Per guarnire

1 mazzetto di rucola e circa 40 pomodorini ciliegia a pezzetti, semplicemente conditi con olio extravergine di olive e sale

Alcune gocce di pesto genovese su ogni focaccina (si puo’ preparare in casa o comprarne un barattolino di buona qualita’)

Preparazione

  1. Impastate la farina e l’olio con acqua versata a filo quanta ne basta perche’ l’impasto rimanga abbastanza molle, ma sia perfettamente omogeneo e si stacchi dalla spianatoia (o dalla terrina, se impastate li’ dentro) e dalle mani.
  2. Create una palla e oliatene la superficie
  3. Fatela riposare in frigo, coperta con la pellicola, per almeno mezz’ora (con la manualita’ che acquisirete, se avrete bisogno di affrettarvi, accorcerete via via i tempi fino ad eliminare il riposo stesso della pasta)
  4. Riprendete l’impasto e iniziate a stenderne una parte sulla spianatoia infarinata agendo col mattarello in tutte le direzioni, fino ad avere un foglio di pasta bello sottile.

Questo impasto e’ facilissimo da stendere se lo si lascia abbastanza morbido.

Essendo la spianatoia infarinata, e la pasta provvista di olio al suo interno, si stacchera’ bene dalla superficie di lavoro.

  1. A questo punto potete ricavare dei dischi di diametro 12 cm (col coppapasta) oppure dei quadrati 12×12
  2. Procedete ora a formare le focaccine:su ogni disco (o quadrato) di pasta sistemare un paio di cucchiaini di crescenza e alcuni “straccetti” di Crudo di Parma DOP, provvedendo a ripiegare a meta’ il disco (o a ripiegare in diagonale il quadrato) come per formare dei ravioli, arrotolando tra loro i lembi superiore e inferiore, oppure sigillandoli bene con i rebbi di una forchetta, in modo che il formaggio non fuoriesca quando liquefa nel forno
  3. Posate le focaccine sulla teglia foderata di carta da forno e spennellatene d’olio la superficie, infornando fin che non siano belle dorate.

8. Sfornate, adagiate sul letto di rucola e pomodorini, decorate (facoltativo) con gocce di pesto Genovese e servite ben calde.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*