Cooking show e Fiera del Marrone di Cuneo: il mio contributo per il 2015 e i doverosi ringraziamenti

Mentirei se dicessi che non mi sono spremuta le meningi per presentare un progetto che potesse essere apprezzato dall’organizzazione della Fiera Nazionale del Marrone di Cuneo 2015 : non doveva essere UNO dei tanti progetti, ma IL progetto, perche’ a me piace partecipare, ma se si tratta del territorio in cui vivo e lavoro, mi piace di piu’ vincere.

Questo non significa aver la certezza di riuscirci sempre, ma provarci mi sembra doveroso verso se stessi, e cosi’ mi sono impegnata, e molto.

Doveva essere un progetto dai costi contenuti, perche’ se vuoi intraprender qualcosa devi volare basso: a portarti in alto, nel caso tu lo meriti, ci penseranno gli altri.
Doveva essere articolato in piu’ punti, per andare a pescare idealmente piu’ fasce di pubblico possibile.
Doveva essere un progetto veramente di squadra, perche’ chi corre solo per smania di protagonismo cade sovente, e se invece cerca di far lavorare gli altri facendo credere in una squadra che non c’e’… idem.

Ricordo che a gennaio 2015 ero in treno in direzione Treviso, era freddo e c’era pure un po’ di nebbiolina: condizioni ideali per la concentrazione massima, ed e’ li’ che e’ nato il mio PROGETTO FOOD BLOGGER.
Ho pensato subito di coinvolgere chi mi aveva gia’ supportata con una splendida collaborazione per la promozione sui social network di Mille Luci nel Piatto: Silvia de Lucas Rivera e i Fotografi Ambulanti.

Poi, per lunghi mesi, non ho saputo piu’ nulla, ma non ero preoccupata: la pubblica amministrazione ha i suoi tempi -di solito misurabili in ere geologiche- e poi io non forzo mai la mano.
Se e’ destino -ho pensato- mi chiameranno, e altrimenti pazienza.
Occupata in mille altre faccende (vacanze estive, viaggio in Canada, articoli per il sito e tanti eventi e inviti a Expo Milano 2015) mi ero addirittura dimenticata della Fiera Nazionale del Marrone di Cuneo, tanto che stavo per confermare la mia presenza in quel di Udine per una premiazione letteraria (ve ne parlero’ piu’ avanti) quando mi ha chiamata Fabio Guglielmi dell’ufficio Stampa del Comune.

Riassumendo, la sua comunicazione era:

Progetto approvato STOP
Urge colloquio per definire dettagli STOP
Location papabili almeno due STOP
Tutti entusiasti quindi dacci dentro STOP

Il resto, a bocce ferme, lo sapete: una raccolta di ricette a tema castagna e marrone e’ visitabile sul sito della Fiera, il Convegno organizzato in Sala San Giovanni ha interessato cosi’ tanto che si pensa di rifarlo con maggiore visibilita’ e piu’ ospiti il prossimo anno, il cooking show sul palco di Piazza Galimberti e su maxi schermo ha avuto la folla delle grandi occasioni come parterre.

Due bei racconti dell’evento visto dal palco li trovate sui blog delle due care amiche Silvia De Lucas Rivera e Manuela Oliveri (cliccate sui nomi per aprire i rispettivi articoli).
Eccovi alcune foto:

Io ora vi racconto il resto: il cosa-c’e’-dietro e l’evoluzione del progetto in corso d’opera.

A fine gennaio, mentre inviavo la stesura definitiva del progetto a Fabio, mancavano alcune cose.
Ma non potevano esserci ancora.
Mancava Veronica Geraci come oratrice al convegno FOOD BLOGGER; ISTRUZIONI PER L’USO perche’ la scaletta e gli inviti pensavo di farli solo dopo l’approvazione da parte del Comune.
Mancava Silvia Moggia per lo stesso motivo.
Mancava la presenza imprescindibile di Paolo Armando nel cooking show, per la semplice ragione che… non lo conoscevo ancora!
Mancava anche Manuela Oliveri, per la semplice ragione che… vedi sopra!
Paolo non aveva ancora fatto quarto a Masterchef e io non lo avevo ancora incontrato da Chiapella a Cuneo.
Frabosa Soprana, il paese a maggior densita’ pro capite di food blogger (2 su circa 800 abitanti), fino ad allora mi aveva celato il fatto che io avessi una collega sul posto!
Mancavano gli sponsor, ma quelli ero abbastanza certa di trovarli (santa presunzione!)

Cosi’, dopo l’approvazione del progetto, ne parlo con mio marito, il quale mi dice una sola parola: Paolo.
Idea vincente, ma sto parlando con un mezzo genio, quindi e’ logico ch dica cose furbe.
Paolo accetta subito: mezzo genio anche lui.

Chiacchierando con Corrado, socio come me di AIFB, scopro anche che esiste una seconda food blogger frabosana.
Capperi, e chi lo sapeva? In paese siamo tutti molto riservati…
Due sono le possibili uscite del sistema: la ignoro -come farebbero alcuni blogger molto protezionisti- oppure la coinvolgo.
E’ anche maledettamente brava…

Se ci sono due cose in cui credo sono sicuramente che:
1. il mondo e’ grande e offre spazio per tutti
2. non ho mai paura che mi facciano ombra, perche’ sono bravissima a farmela da sola 😀

Quindi apro Facebook, le mando la richiesta di amicizia e poi la perseguito sulla chat fin che non mi dice di si’: partecipera’ al cooking show!
Ah, nel frattempo ci incontriamo anche per 2 ore e mezza di fitte chiacchiere al bar del paese!

Sempre nel frattempo, in mezzo a mille cose, ho trovato gli sponsor: Occelli, Salumificio Marchisio, Luca Isoardi del sito di e-commerce occitania.land.

Che dirvi; squadra piu’ affiatata non avrei potuto metterla su.
Paolo e’ un matatore eccezionale e la gente lo adora, per cui avevamo la fila di tipregofattiunselfieconme e machebravopaolo assiepata sotto il palco.

Conosco persone che si sarebbero risentite di non essere la star del cooking show.
Non io, non Silvia, non Manuela.
Noi eravamo la squadra, tutti assieme.

Ognuno fa il suo, in una squadra: cosi’ Paolo e’ stato lo chef-star, eccezionale e carismatico, le due ragazze eccezionali lavoratrici di indubbia competenza e simpatia, io la presentatrice (e spadellatrice) e vorrei sfidarvi a parlare, far battute, sorvegliare che tutto funzioni, coordinare, ascoltare e rispondere al pubblico senza soggezione nei confronti di telecamera e microfono per quasi due ore e mezza, mentre fa freddo e sei infarinata dalla testa ai piedi!

Ecco: dedico il successo del cooking show sul palco della Fiera Nazionale del Marrone di Cuneo 2015 a tutti coloro che hanno creduto nella mia idea, in ordine sparso e non gerarchico.

Grande soddisfazione… la nostra intervista andra’ sul sito del Comune di Cuneo all’interno di un documentario… c’erano tre radio e perfino la TV!
Sperando di non aver dimenticato nessuno, un pochino lo dedico anche alla mia testardaggine.
speriamo mi porti a fare sempre piu’ del mio meglio, con passione e senza paura.

Silvia, #storytellerdiCuneo

 

 

 

 

 

 

2 thoughts on “Cooking show e Fiera del Marrone di Cuneo: il mio contributo per il 2015 e i doverosi ringraziamenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*