Castagne sciroppate al rum

Ed eccomi qui, immersa nel mio castagneto, con le mani tra i capelli a pensare Ma come potro’ venir a capo di tutte le castagne che ho raccolto attorno a casa?
Esperimenti, esperimenti: le mangiamo, le cuciniamo, le trattiamo.
Oggi e’ il turno delle castagne sciroppate, che vi racconto subito.
Questa e’ una versione dolce, adatta ad esempio ad esser accompagnata al gelato alla vaniglia o magari infilata negli strati di un Tiramisu: che idea fantastica tra l’altro, appena nata, ma da provare.
Oggi la voglia di dolce alberga allo chalet, pur se non abbiamo ancora la neve!

 

chalet

Tuttavia la ricetta si potrebbe spingere anche con della senape e farla diventare piccante: diventa mostarda e la trovate QUI.

Allora, pronti per le castagne sciroppate alla moda de La Masca in Cucina?

INGREDIENTI

1 kg di castagne spellate dal guscio1 l di acqua
600 g di zucchero semolato
i semi di un baccello di vaniglia
2 bicchierini di rum

PROCEDIMENTO

1, Sgusciate le castagne e lessatele per almeno un quarto d’ora.

2. Prelevatele dall’acqua bollente cercando di privarle della pellicina che le ricopre: e’ un lavoro ingrato, che va fatto velocemente e con i guanti, magari immergendo le mani in acqua fredda, ma va fatto ora perche’ se le castagne raffredderanno non le spellerete piu’.
Le castagne devono essere appena morbide da esser maneggiate, ma nello stesso tmpo consistenti, per non rompersi.

3. Preparate uno sciroppo di zucchero e semi di vaniglia, cercando di farlo densificare un po’: dopo aver fatto sciogliere perfettamente lo zucchero nell’acqua, fate addensare fin che una goccia di sciroppo versat in un piattino tenda a restare densa e non colare.

4. Aggiungete le castagne nello sciroppo e cuocetele delicatamente per 5 o 6 minuti, girando con la spatola di silicone per non romperle. e all’ultimo bagnatele con il rum (o whisky, se vi piace, che volendo e’ piiu’ secco… insomma, per l’aroma fate voi!

5. Ora fate scivolare dentro ai barattoli castagne e sciroppo prelevati dal pentolino.

6. Agitate un pochino e chiudete ermeticamente subito, capovolgendo su un asse di legno.

7. Il barattolo fara’ fuoriuscire l’aria, sigillandosi.
Se cosi’ non fosse dovrete -come sapete- farlo bollire per 20 minuti completamente immerso in acqua.

NOTA: usate barattoli piccoli, cosi’ li finirete in fretta e non circoleranno per giorni in cucina semiaperti, diventando colonie batteriche: bisogna essere modulari e calcolare le dimensioni dei contenitori sulla base delle esigenze familiari!

 

One thought on “Castagne sciroppate al rum

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*