Baba ganouch di melanzana viola e tonda di OrtoQui su dadolata di pomodoro cuore di bue

Ecco la mia terza ricetta per OrtoQui, a proposito della quale a breve sul sito della ditta troverete anche il video passo-passo della preparazione, girato durante l’evento di Albenga del 16 luglio 2016: baba ganouch di melanzana viola e tonda di OrtoQui su dadolata di pomodoro cuore di bue

OrtoQui

 

Le melanzane sono tra le poche verdure che non si possono consumare a crudo, ma danno in compenso risultati eccellenti anche solo grigliate.
Vorrei raccontarvi le difficolta’ incontrate dal delizioso ortaggio durante la sua diffusione.
La importarono gli Arabi in Europa attorno all’800-1000.
Si narra che il suo l’approdo in Italia sia stato  a Salerno.
La Scuola Salernitana era all’epoca all’avanguardia per la medicina e, durante quello che e’ forse stato il primo congresso medico della storia, dal Medio Oriente qualcuno porto’ in dono le melanzane.

Il signore locale ne diede una da assaggiare al servitore che, dopo averla morsa, la sputo’ urlando “Mela Insana!” ( da cui il nome melanzana).
La cosa fini ‘ male per il donatore, ma per fortuna oggi sappiamo che alcune verdure (come anche la patata) hanno solo bisogno di essere cotte per diventare commestibili e deliziose.
In omaggio a questa vicenda vi presento una ricetta nella quale la melanzana e’ presentata come si usa nel bacino del Mediterraneo, sotto forma di crema: il babaganouch, preparato alla mia maniera.

CARATTERISTICHE: ricetta facile, vegan con sapore, veloce e saporita, poco calorica

INGREDIENTI

1 melanzana viola tonda OrtoQui

1 pomodoro cuore di bue di piccole dimensioni

1 cucchiaino di semi di sesamo tostati

1 spicchio di aglio spellato e tagliato in due pezzi

1 cucchiaino di scorza di limone non tratatto e un po’ di succo di limone

1 oliva taggiasca

sale, olio extravergine di oliva, succo di limone, peperoncino macinato fresco

..

DIFFICOLTA‘: nessuna

ATTREZZATURA raccomandata

teglia da forno

bicchierino in vetro

sac à poche


PROCEDIMENTO

  1. Tagliate a piccoli dadolini il pomodoro cuore di bue OrtoQui e conditelo in una ciotolina con olio, sale e basilico tritato; fatelo riposare e fate colare via il sugo in eccesso
  2. Lavate le melanzane, privatele del picciolo e tagliatele a meta’ per il lungo
  3. Cospargetele leggermente di sale grosso e lasciatele riposare almeno mezz’ora
  4. Nel frattempo preriscaldate il forno a 200 gradi
  5. Ripulite bene le melanzane dal sale con una salvietta pulita e asciugatele
  6. Incidete la polpa in almeno due punti e inserite nei tagli uno spicchio di aglio spellato (oppure mezzo in ogni taglio: su questo rimando al vostro gusto. A me piace abbondare con l’aglio: dopo tutto siamo mediterranei, quindi apparteniamo alla grande famiglia della Garlic Country)
  7. Adagiate le mezze melanzane su una teglia coperta di carta da forno e irroratele con un filo di olio
  8. Infornate per almeno mezz’ora o comunque fin che la polpa non appaia cotta e scurita
  9. Nel frattempo tostate leggermente i semi di sesamo in padella (se avete la salsa tajina potrete usare quella)
  10. Sfornate, scavate le melanzane mettendo la polpa e l’aglio cotto nel bicchiere del frullatore a immersione, insieme ai semi di sesamo tostato (oppure alla salsa tajina), un pizzico di scorza grattugiata di limone e a un pochino di olio extravergine di oliva
  11. Frullate e poi aggiustate il sale.
  12. Fate sul fondo del bicchierino un letto di pomodori cuore di bue conditi e sopra un ciuffo di baba ganouch di melanzana viola tonda usando un sac à poche e guarnite con un’oliva e alcuni semi di sesamo tostati……..
    Buon appetito da la Masca in Cucina e dalle verdure OrtoQui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*