Al contadino non far sapere… quanto e’ buono il risotto con le pere

 

 

Davvero: al contadino non far sapere… quanto e’ buono il risotto con le pere: e non e’ nemmeno complicato!
A volte mi sorprendo quando sento parlar dei risotti,  che vengono definiti lunghissimi da preparare e cucinare.

Ora, non voglio fare il genio dei fornelli (anche perche’ sarei sgamabile in 30 secondi!), ma ho provato qualche volta ad utilizzare i risotti pronti in busta (arrivando a casa da una vacanza, ad esempio, col vuoto pneumatico nel frigo), e non sono malaccio, in definitiva.
Se ci fate caso, pero’, ci vogliono almeno 15 minuti (secondo ciò’ che dice la busta, ma in realtà ce ne vanno 20 perché siano cotti davvero) per metterne in tavola uno: più o meno lo stesso tempo di cottura del risotto homemade.

Ad affettar una cipolla per il soffritto, mettere a mollo i funghi secchi e preparare un brodo di dado – ma anche, piu’ salutare, un brodo vegetale con carota, sedano e cipolla – se ne impiegano al massimo altri 5 o 6, mentre non e’ rilevante il tempo necessario per aprire la bustina di zafferano.

Quindi, in sostanza, con 5 minuti in più’ si può godere di una preparazione casalinga che, tra l’altro, non contiene glutammati e consevanti vari.

Che cos’e che fa la differenza?
Da un lato c’e una dispensa completamente vuota, a parte la busta in questione; dall’altro ci sono degli ingredienti, che pero’ sono quasi tutti a lunga conservazione quindi, facendo la spesa anche solo una volta alla settimana, di risotti casalinghi (zafferano, gorgonzola, funghi, mele e prosecco…) se ne possono confezionare parecchi, con poca fatica.

Cio’ premesso… risotto pere e gorgonzola!

INGREDIENTI per 3 persone

240 g di riso Arborio

150 g di gorgonzola dolce

50 g di burro

1 cipolla bianca

1 pera

1 bicchiere di vino bianco, meglio se Prosecco

1 manciata di parmigiano reggiano grattugiato e 1 bella noce di burro per mantecare a fine cottura

brodo vegetale q.b.

sale e pepe q.b.

PROCEDIMENTO

1. Stufate nel burro la cipolla affetta sottile 

2. Fate saltare il riso nel soffritto e sfumate col vino

3. Appena il vino sara’ evaporato bene, iniziate ad aggiungere piano piano il brodo.

4. Assaggiate; a meta’ cottura, aggiungete la pera, sbucciata e tagliata a pezzetti piccoli, continuando a sfumare col brodo

5. Quando, assaggiando ancora, sentirete che il risotto sara’ quasi cotto, aggiungete il gorgonzola e fatelo sciogliere, sempre mescolando e versando un po’ di brodo, fino ad ultimare la cottura.

6. A quel punto, togliete dai fornelli e fate riposare per 5 minuti

7. Ora mantecate con una manciata di parmigiano ed una grossa noce di burro.

7. Regolate il sale (se serve), fate una spruzzatina di pepe bianco macinato fresco e servite.

5 thoughts on “Al contadino non far sapere… quanto e’ buono il risotto con le pere

  1. è il mio preferito !!!! mmmmnmm quanto mi piace il risotto !!!!!

  2. E’ buono!!!
    E fa subito festa, perche’ si deve fare sul momento, con la famiglia riunita e la bocca già aperta per mangiare.
    Altro che “Ti lascio qualcosa nel microonde per stasera!”

  3. I have noticed you don’t monetize your blog, don’t waste your traffic, you can earn extra cash
    every month because you’ve got hi quality content.
    If you want to know how to make extra $$$, search for:
    Boorfe’s tips best adsense alternative

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*